salta la barra Po-Net » Prato Arte e storia » In città » Chiese » Sant'Anna in Giolica
Po-Net

Chiese

Chiesa di Sant'Anna in Giolica

La chiesa di Sant’Anna in Giolica si trova connessa a un convento, eretta nel 1269 da un frate di Sant’Agostino e consacrata nel 1273. Durante la peste del 1348 venne abbandonata, ma dal 1435 subì importanti ristrutturazioni per volere degli agostiniani.

Il convento fu occupato durante il Sacco di Prato del 1512 dalle truppe spagnole, mentre venne adibito a lazzaretto durante la pestilenza del 1527-30 e per quella del secolo seguente. Soppresso nel 1782, nel 1820 Giovan Battista Mazzoni vi trasferì alcuni macchinari da lui creati appositamente per la filatura del cotone e della lana, divenendo poi il proprietario del complesso, appartenente ancora oggi ai suoi discendenti.

L’esterno dell’edificio ha il paramento murario piuttosto irregolare in alberese, interrotto da un piccolo portale laterale e due monofore. La parte superiore intonacata risale a un innalzamento datato 1730-40. All’incrocio dei bracci si erge la cupoletta, forata da quattro occhi e conclusa da una lanterna.

Una zona porticata con due arconi, costruita nel Settecento contestualmente all’innalzamento dell’edificio, affaccia sulla strada inglobando il portico rinascimentale, realizzato insieme alla loggetta superiore a spese del Ceppo fondato da Francesco Datini intorno al 1440, dove si vedono ancora oggi alcuni affreschi del primo Quattrocento. Il portico è chiuso sul lato destro dalla facciata della chiesa, dove troviamo nella lunetta un affresco con il Cristo benedicente della fine del Trecento.

L’interno dell’edificio costituisce un importante esempio di architettura rinascimentale, dovuta alle ristrutturazioni del 1502-1504, legata al tempio a croce latina teorizzato da Leon Battista Alberti, ma anche alle opere coeve di Brunelleschi e Michelozzo. La chiesa presenta infatti una pianta a croce latina, dove la navata ha una lunghezza quasi pari al doppio di quella del transetto, pareti intonacate di bianco e volte a botte con tondi in terracotta sui pennacchi (copie di quelli robbiani in Santa Maria delle Carceri). Il pavimento in cotto è rialzato rispetto all’esterno; la controfacciata è contraddistinta da affreschi stratificati tra i quali spicca un dipinto cinquecentesco, dalle forme arcaiche, con la Madonna in orazione e due sante. Sopra la porta d’ingresso troviamo raffigurato Brunetto de’ Rossi, il fondatore del convento, alla cui sinistra vi è Santa Caterina d’Alessandria e sulla destra una Croce con angeli.

Il transetto è occupato da alcune lastre tombali, quasi tutte risalenti all’Ottocento, mentre sulla parete di fondo, nella cappella a destra, è posto un altare a edicola dalle classicheggianti colonne corinzie che incorniciano la tela del pratese Pier Simone Vannetti (1666-1737) con i Santi Leonardo e Cristiana che intercedono per il convento di Sant’Anna presso Dio Padre e la Sacra Famiglia, datato 1701, stesso autore della pala posta nell’altare della cappella a sinistra con i Santi Pietro, Giovanni Battista e Nicola da Tolentino in adorazione del Santissimo Sacramento, del 1702.

Nel presbiterio troneggia una scenografica composizione architettonica: l’altare maggiore innalzato nel 1689, formato da un’edicola con colonne che sorreggono un’imponente trabeazione, sorregge un’edicoletta timpanata con finestra, ai lati della quale sono affrescate le figure dell’Annunciazione. Il pregio di questo altare sta soprattutto nella pala che ospita, eseguita da Giovanni Stradano (Jan Van der Straedt, 1523-1605) con lo Spirito Santo, Sant’Anna, la Madonna e il Bambino, altri Santi, raffigurante l’iconografia tradizionale della Madonna Metterza. Accanto all’altare si aprono due porte rettangolari collegate alle due nicchie soprastanti dove sono state collocate statue lignee policromate di due Santi.

Indirizzo e contatti

Via Gabriele D'Annunzio
, 1
- 59100
Prato
Orario7:30 - 12:00 e 16:00 - 19:00, gli orari possono subire variazioni in base alle esigenze parrocchiali, è consigliabile verificare telefonicamente gli orari di apertura.

gli orari delle messe sono pubblicati sul sito della Diocesi di Prato, durante le funzioni la chiesa non è visitabile.
Sito web dettaglio orariohttp://www.diocesiprato.it/
Caricamento Google Maps.......attendere

Data ultima revisione dei contenuti della pagina: venerdì 26 agosto 2016

- Inizio della pagina -
Il progetto Po-Net è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it