salta la barra Po-Net » Musei di Prato e Provincia » Materia di Cantagallo
Po-Net

    Musei di Prato e Provincia

    Museo Materia

    MATERIA: cos’è e come nasce

    MATERIA nasce da un’idea di Gruppo Colle S.r.l. con la partecipazione di H2E S.r.l.; si trova in Val di Bisenzio, a Cantagallo in provincia di Prato ed è stato inaugurato nel gennaio del 2016.

    I visitatori si accorgono subito che non si tratta di un museo tradizionale, ma piuttosto di uno strumento per formare la sensibilità ambientale e un nuovo modo di comunicare contenuti etici, storici, artistici e tecnologici.

    La filosofia di questo museo sta già nel nome: Museo dell’Arte Tintoria, delle Energie RInnovabili e dell’Ambiente, dove le parole “arte tintoria” possono essere lette insieme o separate, alludendo in un caso all’arte della tintoria o all’arte in senso letterale ed alla tintoria.

    L’acqua è la protagonista del museo e può essere considerata una materia prima, sia al tempo della gualchiera - qui anticamente presente - in quanto elemento fondamentale della feltratura, sia in tempi moderni in quanto essenziale a tutti i processi tintori oltre che alla vita in genere.

     

    Il percorso museografico

    La struttura che contiene il museo e le sue parti esterne sono state utilizzate fin dal medioevo a fini produttivi, ospitando, in tempi diversi, un mulino a tre macine, una gualchiera, una ferriera, una ramiera ed una stracciatura, a cui poi furono aggiunti, nel Novecento, i corpi retrostanti in cui furono collocati un carbonizzo e una tintoria.

    Per quanto riguarda la parte interna del museo, la nota dominante è la modernità. Le due principali attrazioni, di carattere esperienziale, che connotano il museo, son costituite dal Confessionale e dalla Realtà aumentata. Il primo è collocato nell’antico vano di una delle due macine, all’interno del quale un breve video mostrerà le bellezze di questo pianeta e i disastri perpetrati dall’uomo, invitando il visitatore a riflettere sul proprio ruolo nell’inquinamento ambientale ed al contempo a fare, ad alta voce, una promessa in tal senso, che verrà ascoltata in diretta da tutti gli altri visitatori del museo. La seconda installazione, attraverso la tecnica della realtà aumentata, trasporterà invece il visitatore, in una sorta di viaggio nel tempo, che lo condurrà dall’interno di una gualchiera medioevale, passando per una tintoria cinquecentesca, fino ai giorni nostri, all’interno dello stabilimento del Gruppo Colle, per poi proiettarlo in una visione futura.

    Particolarmente significativi, sono i locali interrati del cosiddetto “inferno”, dove erano alloggiate le ruote idrauliche e dove sono ancora presenti i rarissimi resti di una turbina in ghisa ad asse verticale, risalente alla fine dell’Ottocento.

    Il “margone” esterno, nei pressi del quale si trova ancora la vecchia turbina Kaplan a pale fisse, ed intorno al quale sono collocate alcune storiche turbine Girard e Francis, mentre all’interno del museo è possibile ammirare uno splendido ritrecine in legno ed una piccola turbina Pelton.

     

    MATERIA è completamente autonomo da energia da fonti fossili: è presente un impianto fotovoltaico ed una turbina idroelettrica, mentre il riscaldamento è assicurato dal passaggio degli scarichi della confinante tintoria.

    museo materia interno
    il locale interno del museo con in primo piano il ritrecine
    museo-materia-esterno
    monte del bisenzio, sulla destra dell'immagine, museo materia visto dall'esterno.

    Indirizzo e contatti

    Via Mulino di Colle
    , 14
    - 59025
    Cantagallo
    Sito web: www.valbisenziotot.it/it/materia
    E-mail: info@materiamuseum.it
    OrarioPrenotazione visite tramite email.

    Biglietto:

    A persona:

    • intero 10,00€
    • gruppi o famiglie 7,00€
    • scuole primarie 4,00€
    • scuole secondarie di primo grado 5,00€
    • scuole superiori di secondo grado 6,00€

    Il costo del biglietto sarà interamente devoluto alla fondazione Spes Docet O.n.l.u.s.

    Caricamento Google Maps.......attendere

    Data ultima revisione dei contenuti della pagina: mercoledì 08 giugno 2016

    - Inizio della pagina -
    Il progetto Po-Net è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it