salta la barra Po-Net » Musei di Prato e Provincia » Museo di Palazzo Pretorio
Po-Net

    Musei di Prato e Provincia

    Museo di Palazzo Pretorio

    Il Museo di Palazzo Pretorio è stato riaperto al pubblico nel 2014, dopo quasi 20 anni di chiusura per restauri.

    Nei tre piani dello splendido Palazzo duecentesco ridisegnati da Adolfo Natalini, Piero Guicciardini e Marco Magni si possono ammirare oltre sei secoli di storia, attraverso i capolavori di Bernardo Daddi, Giovanni da Milano, Donatello, Filippo e Filippino Lippi, Santi di Tito, Alessandro Allori, Batistello Caracciolo e Lorenzo Bartolini, tra gli altri. Il palazzo culmina in una terrazza panoramica che domina tutta la città.

    Al piano terra si trovano l’accoglienza, il guardaroba, il museum shop, la sala conferenze e il cortile all’aperto, oltre a due grandi sale con volte a crociera, destinate alle mostre temporanee.

    Ad ogni piano sono disponibili apparati informativi e supporti multimediali di ultima generazione, videoproiezioni dedicate alla storia di Palazzo Pretorio e alla Sacra Cintola con la ricostruzione virtuale degli affreschi di Agnolo Gaddi nella cappella che la custodisce.

    Palazzo Pretorio torna così ad essere lo scrigno dei tesori della città, un patrimonio di bellezza condivisa, il simbolo della storia di Prato e della sua identità.

    Cenni storici

    Il Museo Civico, che dal 1912 ha sede nel medievale Palazzo Pretorio, costituisce la più antica istituzione culturale cittadina per storia e collezioni.
    Fu promosso dal Granduca Pietro Leopoldo di Lorena nel 1788 a seguito delle soppressioni di chiese, conventi e oratori attuate dal vescovo Scipione de’ Ricci, quando vennero acquisite ventidue opere del periodo che va dal 1500 al 1700 con le quali fu realizzata una piccola galleria, ad uso di una scuola di pittura e disegno costituita dal Comune. A seguito della dispersione di questo  piccolo nucleo di opere, grazie a Cesare e Gaetano Guasti, fu creata un’altra raccolta relativa in gran parte ai secoli XIV-XV, allestita nel 1858 nelle sale di Palazzo Comunale.  

    La raccolta si arricchì ulteriormente con la confisca dei beni ecclesiastici operata dallo Stato italiano nel 1866  e a seguito di lasciti e donazioni, tra cui la collezione Martini proveniente dallo Spedale della Misericordia.

    Nel 1912 infine fu effettuato il trasferimento della Galleria Comunale nella sede di Palazzo Pretorio, a cura di Roberto Papini; l'allestimento del 1954 curato da Giuseppe Marchini fu conservato fino alla chiusura definitiva al pubblico dell'edificio nel dicembre 1997.

     [s1]cancella

    Palazzo Pretorio
    Palazzo Pretorio, esterno da piazza del Comune.

    Indirizzo e contatti

    Piazza del Comune
    - Prato
    Sito web: http://www.palazzopretorio.prato.it/
    E-mail: museo.palazzopretorio@comune.prato.it
    Telefoni: 0574 19349961 / 0574 1837860
    Orariotutti i giorni dalle 10.30 alle 18.30, eccetto il martedì non festivo.
    Chiuso per la festività di Natale.
    Caricamento Google Maps.......attendere

    Data ultima revisione dei contenuti della pagina: martedì 14 giugno 2016

    - Inizio della pagina -
    Il progetto Po-Net è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it