Biblioteche di Prato e provincia

Biblioteca del Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci CID/Arti Visive di Prato

Presentazione della biblioteca

Il CID/Arti Visive del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci - aperto al pubblico nel 1989 - è una biblioteca specializzata nella raccolta di informazioni sui movimenti dell’arte del XX e XXI secolo e sugli eventi espositivi tenuti nelle più significative istituzioni nazionali e internazionali (musei, fondazioni, enti pubblici, gallerie private).

La collezione libraria nasce nel 1984 con l’acquisto del Fondo Ferruccio Marchi, editore d’arte fiorentino e l’acquisizione di raccolte private di critici e studiosi d’arte, come Giancarlo Politi, Ermanno Migliorini, Sergio Santi, Amnon Barzel, Egidio Mucci e altri.
Dal 1985 il CID/Arti Visive si avvale di una rete di interscambio documentario con le principali istituzioni culturali artistiche italiane e straniere.

La biblioteca accoglie anche cataloghi e monografie in omaggio e donazioni provenienti da critici, studiosi, artisti e istituzioni culturali che non fanno parte del programma di scambio, allo scopo di documentare e ampliare temi e argomenti sull’arte contemporanea.

La collezione della biblioteca è arricchita da una raccolta di audiovisivi (VHS, CD-ROM, DVD e audiocassette), acquisiti tramite omaggio o interscambio, o prodotti dal Centro in occasione di allestimenti espositivi, conferenze stampa, convegni, laboratori didattici, incontri con artisti.

Costituiscono motivo di particolare interesse per gli studiosi i Fondi speciali: il Fondo Ferruccio Marchi, dedicato prevalentemente agli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta del XX secolo e alle rassegne storiche come la Biennale di Venezia, la Triennale di Milano e Documenta di Kassel; il Fondo Libri d'Artista, formato da libri e cataloghi di mostre progettati da artisti e libri oggetto; il Fondo Vincitorio, che contiene il carteggio del critico d'arte romano Francesco Vincitorio con esponenti del mondo dell'arte, un archivio fotografico e la raccolta in cinque volumi della rivista "NAC-Notiziario di arte contemporanea" (1968-1974), di cui è stato il fondatore e animatore.

Infine, il Cid/Arti Visive segue con particolare interesse le presenze artistiche che operano sul territorio e la produzione documentaria degli artisti le cui opere sono incluse nella Collezione permanente del Centro per l'Arte contemporanea Luigi Pecci.

Fondi

Fondi speciali:

  • Fondo Amnon Barzel
  • Fondo Loriano Bertini
  • Fondo Galleria Il Bisonte, Firenze
  • Fondo Paola Bortolotti
  • Fondo Galleria Carini, Firenze
  • Fondo Enrico Crispolti
  • Fondo Ferruccio Marchi
  • Fondo Ermanno Migliorini
  • Fondo Egidio Mucci
  • Fondo Giuseppe Nicoletti
  • Fondo Sergio Santi
  • Fondo Galleria Metastasio di Carlo Palli, Prato
  • Fondo Ida Panicelli
  • Fondo Giancarlo Politi
  • Fondo Salone di Villa Romana, Firenze.


Fondi di interesse locale:

  • cataloghi, inviti, comunicati stampa, manifesti delle mostre tenute a Prato da enti pubblici e privati.

Risorse

  • Libri posseduti: 50.000
  • periodici correnti: 82
  • periodici cessati: 210
  • audiovisivi: 400

Posti lettura

60

Servizi

  • Informazione e consulenza bibliografica specializzata;
  • consultazione della collezione documentale e lettura in sede;
  • didattica della biblioteca;
  • interscambio;
  • fotocopie;
  • attività editoriale;
  • 2 postazioni informatiche per la ricerca bibliografica;
  • 2 lettori per la visione del materiale audiovisivo.

Link utili

Catalogo online 

Indirizzo e contatti

Viale della Repubblica
, 237
- Prato
Sito web: http://www.centropecci.it
E-mail: cid@centropecci.it
Telefoni: 0574 531842
Orariomartedì e giovedì: ore 13 - 18
mercoledì e venerdì: ore 10 - 15

Responsabile dell'ufficio: Antonio Avitabile a.avitabile@comune.prato.it

Caricamento Google Maps.......attendere

Data ultima revisione dei contenuti della pagina: martedì 21 giugno 2016

- Inizio della pagina -
Il progetto Po-Net Ŕ sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it